Video pillole di consigli per presentare meglio

Per migliorare le proprie capacità di public speaking e realizzare delle presentazioni di successo è necessario focalizzarsi su tre elementi: preparazione, design e comunicazione. In questi video ti spiego come fare.

Ho letto un articolo recentemente in cui Tim Ferriss — autore di The 4-Hour Workweek, Tools of Titans, The Tim Ferriss Show — spiega come prepara le sue presentazioni. Ecco alcuni spunti interessanti:   

  • Innanzitutto, se gli viene assegnato uno slot di 60 minuti (tipico soprattutto delle conferenze tech), lui automaticamente lascia gli ultimi 20-30 minuti per il Q&A. In questo modo riesce a personalizzare la sua presentazione per il suo pubblico rispondendo alle loro domande invece di provare a indovinare cosa possa essere rilevante per loro. Non fa un monologo, ma instaura una conversazione.

  • Divide la presentazione in cinque parti: introduzione (2 minuti), tre segmenti da dieci minuti ciascuno e conclusione (2 minuti).
  • Per ogni segmento da dieci minuti, segue la regola del tre. Innanzitutto si chiede qual è il messaggio principale per la sua audience. Quindi in totale la sua presentazione si baserà su tre punti, non di più. Poi, struttura ogni segmento da dieci minuti seguendo il formato PEP (point-example-point), oppure EPE (example-point-example). PEP significa che esponi un concetto, fai un esempio e poi chiudi riprendendo il concetto iniziale. EPE significa che prima fai un esempio, poi spieghi il concetto collegato e infine fai un altro esempio.
  • Solo a questo punto — solo dopo che ha le idee chiare su cosa vuole comunicare — si focalizza su introduzione e conclusione. Per l’introduzione, di solito inizia con una storia e spiega che introdurrà tre concerti che aiuteranno il pubblico a fare “X”, dove “X” è il tema della presentazione.
  • E alla fine, prova, prova, prova…finché non sa la presentazione veramente bene (senza però ripetere a memoria). Molti si dimenticano di questa fase, ma è una delle fasi più importanti, che distingue il professionista dal dilettante. 

Link all’articolo di Tim Ferriss.

 

Video interessante? Iscriviti alla newsletter di Andrea e non perdere i nuovi video.

Autorizzo al trattamento dei dati personali (leggi Privacy e Cookie Policy)