Video pillole di consigli per presentare meglio

Per migliorare le proprie capacità di public speaking e realizzare delle presentazioni di successo è necessario focalizzarsi su tre elementi: preparazione, design e comunicazione. In questi video ti spiego come fare.

L’ultima volta abbiamo parlato della mappa concettuale come strumento per comunicare un messaggio in modo chiaro, semplice ed efficace, in cui hai un messaggio principale e tre punti a supporto. 

Se per caso vi siete chiesti “perché tre”? (Lo so che in tanti non dormono più la notte dal mio ultimo video e si chiedono perché i sotto-messaggi devono essere proprio tre), la risposta è semplice: perché il tre è il numero della comunicazione.

Ci sono diverse ricerche scientifiche che hanno dimostrato che l’uomo non riesce a conservare più di tre informazioni alla volta nella memoria a breve termine, che è quella parte di memoria che riesce a conservare una piccola quantità di informazioni per pochi secondi, a differenza della memoria a lungo termine che invece riesce a conservare una quantità enorme di informazioni per molto tempo. Quindi quello che succede nella nostra mente è che la memoria a breve termine conserva le nuove informazioni per alcuni secondi, poi se vengono elaborate in modo profondo passano alla memoria a lungo termine, dove si conservano per più tempo. Quindi nelle presentazioni, in cui non sempre è possibile fare in modo che le informazioni che condividiamo vengano elaborate in modo profondo, è importante soddisfare almeno la memoria a breve termine, in modo tale che se ti dico qualcosa, non te la dimentichi dopo qualche secondo. E per fare questo - per facilitare la conservazione delle informazioni - ricordiamoci che il tre è il numero della comunicazione. Quindi, per esempio, non diamo i quindici motivi per i quali un cliente potenziale dovrebbe acquistare il nostro prodotto. Ne bastano tre. 

Questo non vale solo nelle presentazioni, ma è un principio generale di comunicazione. Tant’è che molte aziende se ne servono per comunicare le caratteristiche dei propri prodotti o anche per darci diverse opzioni di pagamento. Per esempio: Netflix. Se volete fare l’abbonamento a Netflix, quanti pacchetti avete a disposizione? Base, standard e premium. 

E questa cosa la ritrovate dappertutto; il numero tre è immerso profondamente nella nostra società, da sempre. Facciamo qualche esempio:

  • Pronti, partenza e via
  • Yes we can 
  • Liberté, égalité, fraternité 
  • Il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo
  • DHL, TNT, SAP e molte altre aziende 
  • I tricolori delle bandiere di molti Paesi 
  • I tre moschettieri
  • I tre porcellini
  • Sesso, droga e rock’n’roll

Qual è la lezione per noi che vogliamo fare presentazioni coinvolgenti? 

  • Innanzitutto, quando è possibile, cercate di suddividere la vostra presentazione in tre parti. Non è sempre possibile, ovviamente dipende dall’argomento e dall’obiettivo, ma se è possibile, provate a dividerla in tre parti e fate capire al vostro pubblico che avete creato questa suddivisione, così mostrate una struttura logica e chiara, vi seguono meglio e si ricordano quello che dite. 
  • Quando volete comunicare le caratteristiche delle vostre offerte (o i benefici, ancora meglio), o semplicemente introdurre o definire un concetto, cercate di utilizzare il tre. Per esempio, come ho iniziato questo video? Riprendendo il concetto della mappa concettuale che avevo introdotto in un altro video, che è “uno strumento utile a comunicare un messaggio in modo chiaro, semplice ed efficace. 

 

Video interessante? Iscriviti alla newsletter di Andrea e non perdere i nuovi video.

Autorizzo al trattamento dei dati personali (leggi Privacy e Cookie Policy)