Video pillole di consigli per presentare meglio

Per migliorare le proprie capacità di public speaking e realizzare delle presentazioni di successo è necessario focalizzarsi su tre elementi: preparazione, design e comunicazione. In questi video ti spiego come fare.

Avete mai pensato a quale tipo di sfondo funziona meglio nelle presentazioni? Chiaro, scuro, bianco, nero? 

Premessa: non voglio dire che sia sempre meglio un tipo di sfondo piuttosto che un altro, altrimenti dite che sono un estremista delle presentazioni e che non sono abbastanza flessibile. Quindi la risposta è dipende dalla situazione. Ad esempio, in una sala un po' oscurata sarebbe meglio uno sfondo scuro. In una sala illuminata, potrebbe essere più opportuno uno sfondo chiaro. 

Però, se dobbiamo sceglierne uno, in realtà preferisco lo sfondo scuro. E il motivo principale è che lo sfondo scuro è più confortevole per il pubblico. Gli sfondi chiari — soprattuto quelli bianchi — emettono una quantità di luce molto elevata che può dar fastidio agli occhi, soprattutto quando ci si trova in sale un po’ oscurate, tipiche degli eventi TED, dei seminari e delle giornate di formazione. 

In questi contesti, l’occhio si stanca facilmente e quindi è meglio usare uno sfondo scuro.

Inoltre, considerate questo: la maggior parte delle slide fa abbastanza pena. E la maggior parte delle slide ha uno sfondo bianco. Ovviamente non è questo il motivo per cui fanno pena (si possono fare delle ottime presentazioni anche con uno sfondo chiaro), però ormai è come se ci fosse un’associazione automatica. Se inizi una presentazione con una slide con sfondo bianco, automaticamente il pubblico associa la tua presentazione a tutte le presentazioni a cui hanno assistito in passato che probabilmente sono state delle esperienze non troppo piacevoli. Se invece parti con una slide con sfondo scuro, immediatamente ti distingui. Ovviamente non basta questo per fare una buona presentazione, ma è un primo segnale che fa capire al pubblico che si fa sul serio e che la tua sarà una presentazione diversa dal solito.